FIRP è un'associazione apolitica e non confessionale, fondata nel 1987 da Elipio Zamboni che si propone di promuovere lo studio, la diffusione, lo sviluppo, la ricerca della reflessologia.

logo-firp-header-compressor

FIRP è un’associazione apolitica e non confessionale, fondata nel 1987 da Elipio Zamboni che si propone di promuovere lo studio, la diffusione, lo sviluppo, la ricerca della reflessologia con mente aperta alle discipline complementari, tramite corsi, conferenze, pubblicazioni, partecipazioni a fiere ed eventi, forum e ricerche scientifiche e con la sua scuola triennale.

La professione del Reflessologo ancora non è ben delineata dalla nostra legislatura, e proprio per questo motivo è molto importante che tutti i Reflessologi siano riuniti in un’Associazione come la nostra, che tiene costanti contatti con le Istituzioni Regionali ed i Parlamentari nazionali ed Europei, nonché con tutte le altre Associazioni del settore delle Discipline Bio-Naturali (DBN), al fine di ottenere il riconoscimento che ci spetta.

FIRP è tra le 43 associazioni che ha ottenuto parere favorevole dal Ministero di Grazia e Giustizia ed è membro del comitato tecnico scientifico per le DBN (Regione Lombardia) oltre ad essere iscritta al registro regionale degli enti di formazione in DBN (sez. B, Pag. 6) Legge Regione Lombardia 2/2005 “Norme in materia di Discipline Bio-Naturali”).

La FIRP è impegnata da anni a sensibilizzare le Istituzioni sul tema del riconoscimento. I primi risultati si possono dire ormai consolidati: diverse Regioni hanno già emesso delle Normative che riconoscono l’esistenza degli “Operatori del Benessere” e stanno discutendo progetti di Regolamenti per disciplinare la materia.

Inoltre, la FIRP, a livello Nazionale, è parte attiva del CoLAP (Coordinamento Libere Associazioni Professionali) e, a livello Europeo, del R.I.E.N. (Associazione Europea dei Reflessologi). Essere soci FIRP non è solo tutto questo.

L’adesione alla FIRP ti consente, oltre che partecipare alla vita associativa, di proporre all’interno della stessa le Tue esperienze e di confrontarle con quelle dei nostri Colleghi, di partecipare ai laboratori di sperimentazione, di partecipare a costi ridotti ai corsi di aggiornamento, di partecipare ai convegni, di ricevere comunicazioni interne utili per la tutela della professione, di ricevere newsletter.

Inoltre, tutti gli associati F.I.R.P. che hanno conseguito l’attestato triennale possono frequentare la scuola gratuitamente, presenziando alle lezioni delle varie scuole (Milano, Torino e Pordenone). Abbiamo ideato una serie di presentazioni per diversi gruppi di utenti che i soci a richiesta possono utilizzare durante la promozione della reflessologia nelle loro città attraverso incontri, stages, convegni.

Abbiamo un pacchetto denominato “Servizi per i soci” che comprende volantini, biglietti da visita, gadgets ecc.

Infine, ma non ultimo, la FIRP vive con la Tua adesione e collaborazione! La FIRP opera sul territorio nazionale ed è attivamente impegnata per il riconoscimento della reflessologia a livello professionale. Tavole rotonde, congressi, ricerca scientifica, dibattiti, seminari, pubblicazioni, la FIRP si è mossa in ogni direzione e con ogni mezzo per promuovere e diffondere questa tecnica benefica.

Tutti i Soci hanno diritto di voto e non esistono differenze tra i Soci ai fini dell’elezione degli organi interni di controllo dell’associazione. Le attività della FIRP e dei suoi Soci sono regolate da uno Statuto e dal Codice Deontologico. A livello europeo la FIRP aderisce all’associazione RiEN (Reflexology in Europe Network).

La sede legale dell’associazione è a via Morazzone 21 – 22100 Como

Segreteria Generale: info@firp.it tel 334.3112856

Segreteria Amministrativa   amministrazione@firp.it

Che cos’è la Reflessologia Plantare?

 

La Reflessologia Plantare è una tecnica antica che ha origine dalla stimolazione di punti individuati sulla pianta del piede, a cui corrispondono organi e apparati del corpo umano.

La reflessologia può essere definita una tecnica, un metodo, un’arte.

home-centraleÈ una “tecnica” naturale, non invasiva, basata sulla digitopressione, attraverso il tipico movimento a “bruco” del pollice, di specifici punti, detti reflessogeni, situati sul piede; si fonda sul presupposto che questi punti, accomunati in zone, abbiano dirette correlazioni in tutte le parti del corpo; lo stimolo è finalizzato al recupero e al mantenimento dell’equilibrio energetico all’interno dell’organismo.

Il “metodo” viene appreso nel percorso formativo triennale, sostenuto e supportato da una didattica validata nel corso degli anni, nonché dal continuo confronto con la realtà quotidiana; consente e rafforza la naturale e visibile differenza con la medicina e con l’estetica, avendo ambiti diversi di studio e di applicazione.

E’ “un’arte” che porta la persona a conoscere approfonditamente il proprio corpo, il proprio potenziale energetico, le proprie capacità di autogestione nelle situazioni in cui si presenta squilibrio delle energie intrinseche e connaturate di cui ogni organismo è dotato.

uomo-e-natura1La reflessologia si configura come disciplina bionaturale e rientra, a buon diritto, nelle discipline complementari e integrative per il raggiungimento e il mantenimento dell’equilibrio organico. La reflessologia, non dannosa e priva di controindicazioni, aiuta la persona sia preventivamente che durante altri trattamenti e, pur avendo anch’essa dei limiti come tutte le altre discipline, può dare ottimi risultati se applicata correttamente da professionisti qualificati.

Il fine primario della Reflessologia è quello di far scattare i meccanismi che portano all’omeostasi, cioè a uno stato di equilibrio e di armonia all’interno dell’organismo. Il reflessologo è colui che insegna al nostro corpo a mettere in atto questi meccanismi attraverso la stimolazione dei punti riflessi situati sul piede, cui corrispondono i vari organi ed apparati del corpo umano.

La reflessologia considera quindi la persona nella sua completezza di mente, corpo, emozioni e spirito, e quindi mira ad agire sulla causa della disfunzione e del disequilibrio, piuttosto che limitarsi a sopprimerne i segni e i segnali corporei e mentali. All’interno di questo percorso diventa altresì importante la relazione interpersonale fra il reflessologo e la persona trattata, come valore aggiunto di un trattamento finalizzato al benessere.

SEDERE AI PIEDI DI UN PAZIENTE,
E’ UN ATTO DI UMILTA’ E AMORE
Elipio Zamboni

Seguici su

FBYT
Iscriviti alla nostra mailing list per restare sempre in contatto con FIRP
logo-a-3-compressor

HAI QUALCHE DOMANDA?

chiamaci al: 334.3112856
oppure
mandaci una mail: info@firp.it

PRESCRIZIONE CORSI

ISCRIVITI ALLA NEWS LETTER

logo-003
freccia-alta

RIFLESSI DI BENESSERE

IL CONTATTO, L’EMOZIONE, L’ENERGIA

separatore-lungo